Un Diamante che viene dal Texas

Il nuovo che avanza nel rock (e dintorni) americano è femmina. Dal mazzo scegliamo la giovanissima californiana Joanna Newsom con le sue melodie folk che fioriscono attorno all'arpa e a una voce davvero originale (Ys, l'eccellente secondo album, mette insieme cinque splendide canzoni di folk regale, ambizioso e autoriale nell'accezione migliore del termine), ma anche Shara Worden, in arte My Brightest Diamond.
Classe 1979, nata e cresciuta in una famiglia di musicisti del Texas (papà campione nazionale di fisarmonica e mamma organista di chiesa), l'eccentrica ragazza si è trasferita a New York dopo il college per studiare musica classica e canto.
Trovatasi a Brooklyn, praticamente nel cuore dell'America metropolitana, alternativa e "indie", ha finito per dedicarsi alla scrittura di canzoni "freak" e alto tasso emotivo anziché studiare Mozart e Puccini. E forse è stata la sua fortuna.
Da quando ha cominciato a farsi conoscere in giro per la Grande Mela con il suo bizzarro concerto in bilico tra musical e teatro (sul palco indossa a seconda dell'umore abiti da supereroe, vestiti da ballo e corsetti in stile Tudor!), le cose hanno iniziato ad andare per il verso giusto. Anche grazie al supporto di fan influenti come Antony (di Antony and the Johnsons) e Sufjan Stevens, altro talentoso cantautore che si è messo in testa di cantare la storia degli Stati Uniti. Un cd per ogni Stato.
My Brightest Diamond
La Casa 139, via Ripamonti 139, domani ore 21, ingresso 10 euro