Diasorin, nel 2010 utile a 90,2 milioni (+28,8%

L'azienda, attiva a livello internazionale nel mercato della diagnostica in vitro, archivia un esercizio positivo: ricavi netti pari a 404,5 milioni (+33%) e posizione finanziaria netta positiva per 33 milioni dagli 11,2 milioni di euro al 31 dicembre 2009

Utile netto consolidato in crescita del 28,8% a 90,2 milioni di euro, ricavi netti pari a 404,5 milioni (+33% rispetto al 2009) e posizione finanziaria netta positiva per 33 milioni dagli 11,2 milioni di euro al 31 dicembre 2009. Sono i dati preliminari relativi al 2010 approvati dal consiglio di amministrazione di Diasorin. Lo comunica il gruppo in una nota.
Dopo il 31 dicembre 2010 l'andamento economico del gruppo
si è confermato «positivo» e «la crescita del fatturato - si legge nella nota - prosegue in linea con le aspettative».
Quanto al 2011, Diasorin si attende che il fatturato «si attesti intorno a 465-475 milioni di euro, con una crescita complessiva superiore al 15%. Il miglioramento degli utili operativi - informa ancora la nota - dovrebbe permettere al gruppo di raggiungere un margine operativo lordo prossimo a 200 milioni».
Tra i risultati preliminari approvati dal cda, il margine
operativo lordo è pari a 164,5 milioni di euro, in crescita
del 34,2% rispetto ai 122,6 milioni di euro registrati nel
2009; il risultato operativo ammonta a 142,9 milioni, +35,5%
rispetto ai 105,4 milioni dell'esercizio precedente. Nel solo
quarto trimestre dell'anno, l'utile netto è risultato pari a
23 milioni di euro, in crescita del 42,7% sullo stesso periodo
del 2009; i ricavi netti consolidati sono stati di 109,3
milioni di euro dai 79,1 milioni del quarto trimestre 2009
(+38,2%).