Da DiaSorin nuovo test per individuarla

Il nuovo test Liaison Anti-HBs di DiaSorin, messo a punto per scoprire la presenza del virus dell’Epatite B, ha ottenuto il marchio CE e sarà presto in commercio. Il test (Anti HBs II), è completamente standardizzato, più facilmente riproducibile e presenta una maggiore sensibilità nella determinazione quantitativa degli anticorpi relativi all’antigene di superficie del virus dell’epatite B. L’epatite B è una delle malattie più contagiose e temibili per il fegato, causata dal virus Hbv, si stima che nel mondo, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità siano circa 350 milioni. Il virus, che si trasmette attraverso sangue infetto, è molto resistente e anche se dopo l’infezione diminuisce, nel 10 per cento dei pazienti resta per sempre nel sangue, cronicizzando la malattia.
La presenza degli anticorpi nel soggetto esaminato indica l’esposizione al virus e l’immunità che si è acquisita. Il nuovo test sfrutta una tecnologia immunologica della chemiluminescenza (Clia) che determina la quantità di anticorpi sviluppati contro l’antigene di superficie dell’epatite B in campioni di siero o plasma, ed è fondamentale per capire se l’infezione si sia risolta o se sia ancora in corso. Questo saggio, disponibile su due piattaforme Liaison e Liaison XL, costituisce un ulteriore passo avanti per la diagnosi e la cura delle epatiti e per la determinazione dei retrovirus.