Via Diaz avrà i nuovi lecci, Quinto frena gli automobilisti

Consiglio comunale, ieri pomeriggio, all'insegna della difesa del verde e della sicurezza sulle strade.
Lecci di via Diaz, addio. O forse, arrivederci. Sedici le piante abbattute dal Comune di Genova. Ingiustamente, secondo alcuni. Perchè malati, secondo l'assessore alla manutenzione Roberta Morgano: interrogata dai consiglieri Andrea Proto (Idv) e Franco De Benedictis (Lista Biasotti) nel corso del consiglio comunale ha fatto presente, foto alla mano, che i lecci in questione erano infestati da larve di Coleottero Lucanus cervus, meglio conosciuto come cervo volante. «Sarebbero stati abbattuti in ogni caso - sottolinea la Morgano -. Abbiamo solo anticipato l'operazione a prima dell'arrivo del Papa, inserendola nei lavori di pulizia straordinaria di piazza della Vittoria». Bisognerà aspettare settembre per rivedere gli alberi in via Diaz, poiché se piantati d'estate, i nuovi esemplari, potrebbero soffrire. In attesa dell'interramento, i giovani lecci hanno preso dimora nel vivaio comunale. L'assessore, inoltre, presenterà nei prossimi giorni il piano complessivo di intervento sul verde: schedatura di tutti gli alberi della città e sostituzione degli esemplari vecchi e malati.
Via Quinto, acceleratore facile. Altro che tranquille passeggiate sul lungo mare: la via è sempre più pericolosa per i pedoni. «La velocità dei mezzi in transito è molto elevata - spiega Michela Tassistro, consigliere comunale dei Pd -, abbiamo quindi chiesto al comune di intervenire con sistemi di dissuasione». L'attraversamento, inoltre, si fa più pericoloso nei pressi dell'incrocio con via Majorana. Niente dissuasori orizzontali, però, per quella via: non possono essere utilizzati se diventano un potenziale ostacolo per i mezzi di emergenza. Il Comune studierà la zona con attenzione e, a quel punto, si valuteranno i sistemi da utilizzare: potrebbero essere nuovi semafori sistemati ad hoc, piuttosto che segnalatori luminosi.
Specie in quartieri densamente popolati da bambini e anziani. Nel frattempo, venerdì, l'assessore alla sicurezza Francesco Scidone incontrerà una delegazione dei cittadini di Quinto per affrontare il problema a tavolino.