Dice no all’aborto: partorisce 5 gemelli

Un donna russa, ora neo-mamma di 5 gemelli, è stata costretta a partorire fuori dal suo Paese, dopo aver rifiutato una riduzione selettiva della prole in grembo, per motivi religiosi. Il caso sembra proprio particolare e in controtendenza, in una Russia sempre più antiabortista e dove la lotta al problema demografico è diventata uno dei temi chiave. È emigrata in Gran Bretagna per dare alla luce i suoi figli. Nati prematuramente con cesareo a Oxford, al John Radcliffe Hospital.