Dick Cheney a spasso a Roma non è riconosciuto dai turisti

Cena da «Fortunato» al Pantheon, ieri per il vicepresidente americano Dick Cheney (nella foto), al rientro da una privatissima visita ad Orvieto, a lui particolarmente cara. Alle otto in punto - appena il tempo per lui e la moglie Lynne di cambiarsi d’abito a Villa Taverna - la coppia è arrivata in una piazza del Pantheon affollata di turisti. Giacca scura e pantalone chiaro per lui, pantalone nero e tailleur ravvivato da un girocollo d’oro per lei, Cheney e la moglie, guardati a vista da una decina di agenti si sono avviati a piedi verso il locale. Tanti i curiosi, in pochi lo hanno riconosciuto. «Fortunato» ha riservato un tavolo all’aperto. Poi sono arrivati anche Peter Secchia, ex ambasciatore americano a Roma e consorte che hanno accompagnato i Cheney. Menu: finocchiona, mozzarella di bufala, risotto allo champagne e rombo di mare al forno con patatine.