Dieci milioni per sostenere chi non può pagare l’affitto

La Regione Lombardia dispone che i risparmi dell’Ici vadano a un fondo di solidarietà. Dieci milioni di euro per quelle famiglie che, alla fine del mese, faticano a pagare l’affitto del proprio alloggio di edilizia residenziale pubblica. Decisione del Pirellone a sostegno di questi nuclei in difficoltà ma anche per finanziare nuovi interventi di manutenzione e recupero del patrimonio Erp.
«In concreto le aziende di edilizia residenziale pubblica avranno a disposizione oltre dieci milioni di euro da destinare a quelle famiglie che non riescono a pagare il canone di locazione o le spese condominiali» spiega Mario Scotti, assessore regionale alla Casa. «Il provvedimento specifica altresì che le risorse non utilizzate dalle aziende per gli inquilini in difficoltà dovranno essere impiegati per la manutenzione degli immobili attraverso un apposito piano di lavori da sottoporre all’assessorato regionale alla Casa» continua l’assessore Scotti. Dunque, un ulteriore provvedimento per assicurare che il sistema dell'edilizia residenziale pubblica possa essere sopportabile per gli inquilini.
Ma quello varato dalla Regione è solo uno dei tanti provvedimenti messi a punto per sostenere le politiche della casa e, tra l’altro, non solo a favore di chi vive in un alloggio popolare. Ad esempio, Regione Lombardia ha stanziato 52 milioni di euro per aiutare quei nuclei che hanno difficoltà a mettersi in regola con il proprio canone di locazione. Risorse che sono erogate agli affittuari a seconda della reale situazione economica calcolata con metodo Isaee. Un impegno, illustra l’assessore Scotti, «assunto dalla Regione nonostante la Finanziaria 2007 destini alla Lombardia quindici milioni in meno rispetto all’anno precedente».