Diecimila peluche anti-carovita sul Campidoglio

Diecimila peluche sulla scalinata del Campidoglio: un coloratissimo colpo d’occhio per sensibilizzare l’opinione pubblica al problema delle nuove povertà. L’iniziativa, ideata dall’europarlamentare e delegata del sindaco per le Politiche per la promozione e la tutela dei diritti dei minori Roberta Angelilli in collaborazione con l’associazione «Salvabebè-Salvamamme», è stata l’occasione per rilanciare la campagna partita nel febbraio del 2007 dal Parlamento Europeo per l’abolizione dell’Iva sui prodotti per l’infanzia.
«Con questa iniziativa - ha detto la Angelilli - vogliamo raccontare un problema attraverso un’immagine suggestiva e facendo parlare chi di solito non ha voce in capitolo, i bambini». Proprio i bambini infatti, nei mesi scorsi, hanno donato all’associazione i loro peluche che a Natale saranno sotto l’albero dei 3200 minori assistiti dall’associazione. «Il nostro - ha continuato Angelilli - è anche un grido d’allarme: in Italia un bambino su 4 vive a rischio povertà e dietro di lui c’è sempre una famiglia a rischio povertà». Un dato questo confermato anche a livello regionale. Secondo quanto riferito infatti nel Lazio una famiglia su cinque vive al di sotto della soglia di povertà. «Nella nostra regione - ha continuato la Angelilli citando un dossier del Forum europeo per i diritti dei minori - si contano più di 153mila famiglie povere, con un aumento del 5 per cento solo nell’ultimo anno, un dato questo molto superiore alla media italiana (+1,3 per cento)».
«Nelle aree metropolitane - ha concluso l’eurodeputato - la situazione è più dura». Secondo quanto riferito infatti nella Provincia di Roma risiede il 63,7 per cento delle famiglie povere del Lazio.