«Diesel +» taglia emissioni e consumi Benefici anche ai motori dei veicoli

Ettore SchifraniEni esordisce, prima in Europa, sul mercato del diesel con un nuovo carburante con il 15% di componente rinnovabile prodotta da oli vegetali (Eni Diesel+). La nuova tecnologia Ecofining, elaborata in collaborazione con il gruppo Honeywell Uop e sviluppata dal 2006 nei laboratori di San Donato Milanese, nasce da una doppia esigenza: la necessità di salvare le proprie raffinerie in crisi, convertendole a nuovo utilizzo, e raggiungere, in anticipo sui concorrenti, i target indicati dalle direttive europee sui trasporti che prevedono che il 10% dell'energia utilizzata al 2020 debba provenire dai biocarburanti e le emissioni da CO2 si riducano del 6%. «Abbiamo fatto un grande sforzo e con questa tecnologia che si basa sull'uso dell'idrogeno - spiega Salvatore Sardo, responsabile del gruppo per la raffinazione - abbiamo portato la componente green del nostro carburante al 15%, ottenendo una riduzione del 5% di CO2, del 4% delle emissioni gassose e di NOx, e del 20% del particolato». Questo nuovo carburante green è prodotto attualmente alla raffineria di Marghera (Venezia), recentemente riconvertita con un investimento di 200 milioni. Tuttavia, nel 2018 si aggiungerà anche l'impianto di Gela. Quella di Eni rappresenta anche un'importante soluzione a vantaggio dell'immagine e dell'utilizzo del diesel, carburante entrato nell'occhio del ciclone a causa dello scandalo sulle emissioni generato da Volkswagen.Oltre al settore auto questa tecnologia è stata applicata (elevando la componente verde fino a una percentuale del 50%) anche ad alcune navi della Marina italiana e, nel 2016, il green diesel sarà usato in una esercitazione congiunta tra Marina e Us Navy. «Un innalzamento della percentuale anche sulle auto sarebbe possibile ha spiegato Sardo ma al momento il 15% raggiunto è il migliore compromesso raggiunto tra costi e benefici (oltre a quelli green, coallunga la vita del motore e riduce i consumi del 4%)». Eni Diesel+ ha sostituito il Diesel Blu in 3.500 aree di servizio. Il prezzo resta lo stesso del Diesel Blu, circa 10 cent più del gasolio normale.