Il diesse Fabiani: «Mercato chiuso»

Luca Russo

«Comprare per comprare spesso porta a fare errori e ora il mercato non offre molto». Il direttore sportivo del Genoa Angelo Fabiani frena le voci dei giorni scorsi su nuovi possibili arrivi con la maglia rossoblù. «Noi dobbiamo avere rispetto di questo gruppo che si è trovato assieme meno di venti giorni fa - ha dichiarato il dirigente - i valori per fare bene ci sono, ma ci vuole il tempo per farli uscire fuori».
Per Fabiani non si può nemmeno dare un giudizio completo sulle prime due prestazioni perché «di fatto sono state quelle che, per le altre squadre che quest'estate hanno lavorato assieme, sono state le amichevoli». Radio mercato continua a parlare del possibile arrivo di due pedine, una in attacco e una a centrocampo. «Occorre meditare bene - ha aggiunto il ds - per questo non è escluso che un intervento più ragionato si compia invece al mercato di gennaio quando i valori in campo saranno definiti».
Il Genoa intanto, dopo la notizia del deferimento attende il verdetto per aver violato la clausola compromissoria. Solo dopo l'ufficializzazione della penalizzazione potrebbe presentare un eventuale ricorso. Intanto la squadra ha sostenuto ieri una doppia seduta. La prima in palestra a Pegli la seconda nel pomeriggio a Ronco Scrivia dove si è rivisto Igor Zaniolo alle prese con una ferita al piede. In caso di un forfait dell’attaccante è già pronto il nuovo arrivo Sinigaglia. In questo caso però Vavassori sarebbe costretto a cambiare modulo, passando dal 4-3-3, già proposto contro Ravenna e Pizzighettone ad un più prudente 4-4-2.
Ma certamente in attacco non c’è grande possibilità di scelta. Per quanto riguarda il reparto arretrato invece Francesco Baldini e Gianluca Lamacchi hanno proseguito nel loro lavoro di recupero e si avvicina così la data del loro rientro. Oggi e domani ancora allenamento a Ronco Scrivia poi da martedì mattina per la sgambata in vista dell'incontro con la Fermana al Ferraris si tornerà al campo Signorini.