Dietro a un Totti stratosferico spicca il «club dei rigenerati»

Doni: finalmente sembra un portiere. E che portiere. Anche se per qualcuno non dà ancora sufficienti garanzie... 32 partite, 25 gol subiti
Panucci: resta, a 34 anni, il migliore terzino italiano. Con in più il vizietto del gol. 34 partite, 5 gol
Cassetti: senza strafare, un prima buona stagione in giallorosso. 28 partite, 2 gol
Ferrari: tra le sorprese della stagione, entra a pieno titolo nel club dei «rigenerati» da Spalletti. Fondamentale il suo gol a Udine. 27 partite, 2 gol
Mexes: è ormai uno dei più desiderati difensori europei. A tratti strabordante, con qualche leggerezza. Resterà? I tifosi sperano di sì. 27 partite, 3 gol.
Chivu: idem, ma con alcune amnesie in più (vedi il pasticcio contro il Torino). Gli manca il gol. 26 partite, 0 gol
De Rossi: una stagione mostruosa. Con la nazionale arriverà a una sessantina di partite. Sempre al massimo per intensità e qualità. Unico neo, segna meno del solito. 36 partite, 2 gol
Perrotta: lui invece è sempre più offensivo; quanto è importante si vede nelle (poche) partite in cui manca. 34 partite, 8 gol
Pizarro: geometra tascabile anche nel comportamento sempre sotto le righe, dimostra di meritare la stima che Spalletti ha per lui. Un altro dal futuro incerto. 32 partite, 1 gol
Tonetto: bravo al punto da approdare in azzurro. Peccato per quello 0 alla voce gol. 30 partite, 0 gol
Mancini: lo spot della sua stagione appartiene alla Champions (vedi Lione). In campionato, a volte sembra vivacchiare: ma quando è in giornata non lo ferma nessuno. 29 partite, 8 gol.
Taddei: corsa e fantasia, un altro che va oltre i suoi limiti. 29 partite, 5 gol
Rosi: gioca scampoli di partite, ma mostra una maturità invidiabile per la carta d’identità. 19 partite, 2 gol
Wilhelmssom: lo svedese che non ti aspetti. Arriva a gennaio ed è subito nella mischia. Tanto fumo, un po’ meno arrosto, ma ad Ascoli è decisivo. 19 partite, 1 gol
Aquilani: una «rabona», poi l’infortunio. L’anno prossimo si rifarà. 13 partite, 1 gol
Totti: stagione da 32 gol (malgrado i tanti errori dal dischetto), probabile cannoniere europeo. Serve altro? 35 partite, 26 gol
Vucinic: due gol ma pesanti. E tanti dubbi. 25 partite, 2 gol
Tavano: il giocatore che fece innamorare il Valencia è rimasto a Empoli. Peccato. 14 partite, 2 gol
Altri: Curci (6 partite, 9 gol subiti), Faty (11 partite, 0 gol), Okaka Chuka (6 partite, 1 gol), Virga (4 partite, 0 gol), Montella* (12 partite, 3 gol)
* poi ceduto al Fulham