Difende l’amica molestata: ucciso

Si è difesa, sottraendosi alle molestie sessuali di un tunisino, amico e connazionale del suo giovane amico; lui, il molestatore, ha reagito inaspettatamente con una violenza inusitata, brandendo un coltello da cucina e ferendola in maniera grave. Quindi, con la stessa arma e davanti alla poveretta, il ragazzo ha accoltellato a morte l’amico, «reo» di aver tentato di difenderla.
Questo il tristissimo epilogo di una relazione sentimentale avviatasi da appena una settimana tra un’insegnante milanese di 34 anni, Sonia T. e Mohamed Bougoani, un tunisino di appena 25 anni. L’extracomunitario - un irregolare, residente con la famiglia in via Bligny 42, lo stabile malfamato forse più noto della città conosciuto come «la casbah» - intorno alle 13 di ieri si trovava nel palazzo con la sua donna. Erano nell’appartamentino di un altro tunisino, M’Bark S., un suo amico 22enne, quando Sonia è stata costretta a sottrarsi ai palpeggiamenti del padrone di casa. Che, vistosi respinto, prima l’ha accoltellata tre volte - riducendola in fin di vita - poi, prima di fuggire, ha ucciso sul colpo l’amico Mohamed. Ora è ricercato.