«Difendo i ragazzi pestati dalla polizia»

«Quei ragazzi volevano far sentire la loro voce, la loro contestazione, e sono stati brutalmente caricati. Pensiamo a quello che è successo a Genova: caricavano la gente comune, c’erano provocatori accettati dalla polizia. Si cercava lo scontro. E invece lo scontro va evitato, anche ieri poteva essere evitato». Così in un’intervista al «Messaggero» il premio Nobel Dario Fo ha commentato gli scontri di sabato a Milano, difendendo i manifestanti «pestati con i manganelli» perché «è sempre lo stesso copione: si provoca lo scontro». La colpa del ritorno della violenza? «Della solita destra che vuole la repressione».