Diffamazione a Previti: otto mesi a Travaglio

Il giudice del Tribunale di Roma ha condannato il giornalista Marco Travaglio per diffamazione nei confronti di Cesare Previti. L'articolo incriminato è uscito nel 2002 sull'&quot;Espresso&quot;. Cinque mesi e un ammenda anche per Daniela Hamaui, direttrice del settimanale<br />

Milano - Questa volta a inciampare nelle maglie della legge, è stato proprio lui, marco Travaglio. Il giudice monocratico del Tribunale di Roma ha condannato il giornalista Marco Travaglio a 8 mesi di reclusione, 100 euro di multa per diffamazione ai danni di Cesare Previti in relazione a un articolo pubblicato dal settimanale "L’Espresso" il 3 ottobre del 2002 dal titolo: "Patto scellerato tra mafia e Forza Italia". Il giudice ha deciso anche un risarcimento di 20 mila euro per Previti. È stata condannata anche Daniela Hamaui, come direttore responsabile del settimanale, a 5 mesi e 75 euro di multa. Per entrambi gli imputati la pena è sospesa.