Con il digitale l’alta definizione arriva in tv

Il digitale terrestre inizia la sua marcia anche nel Piemonte occidentale. Oltre il 65 per cento dei torinesi si è già attrezzato per lo «switch over» di mercoledì che consentirà di vedere subito con il nuovo sistema Raidue e Retequattro e, dall’autunno, tutte le altre emittenti. Per preparare gli utenti al Dtt-Day, Mediaset ha allestito sabato e domenica in piazza San Carlo a Torino un «villaggio digitale» con squadre di tecnici a illustrare pregi e caratteristiche del passaggio dall’analogico al digitale: i nuovi canali gratuiti, le pay tv, quali sono le istruzioni per installare e usare il decoder. E la gente ha affollato gli stand, chiedendo, risolvendo i dubbi e chiarendo la situazione. I piemontesi interessati dal passaggio al digitale terrestre sono circa 3 milioni (il 16 luglio toccherà al Lazio, il 10 settembre alla Campania). Nel corso dell’anno il passaggio integrale al digitale si estenderà anche al Trentino e alla Valle d’Aosta e progressivamente si concluderà entro il 2012. In Italia, il numero di famiglie che possiedono almeno un ricevitore per il digitale terrestre supera già gli otto milioni, 2,7 milioni in più rispetto allo scorso anno. Ma che cos’è lo «switch over»? È il passaggio integrale al digitale terrestre di due sole reti nazionali, Raidue e Retequattro, mentre tutti gli altri canali continueranno a essere trasmessi sia nel sistema analogico tradizionale che in digitale terrestre.