Dilettanti a lezione dai «pro». E il golf italiano fa festa

Il grande golf italiano scende in piazza a Margara dal 5 al 10 aprile. Tutto quanto ruota intorno al mondo professionistico, dirigenziale e dilettantistico va in scena al circolo di Fubine, in provincia di Alessandria, nella Best Western Premier Pro Week quando si riuniranno in quella che potrebbe essere definita la settimana del golf nazionale. Il golf internazionale scenderà in campo al Royal Park in occasione del BMW Italian Open dal 7 al 10 maggio ma il Golf Club Margara diventerà il palcoscenico dello sport nel nostro Paese.
Il programma, fitto e intenso, prevede gare, incontri, assemblee a ritmo serrato. Si inizia domenica 5 con l'Equipment Show, come dire la fiera dell'attrezzatura dove si potrà vedere, confrontare, ma soprattutto testare «in diretta» e scegliere i bastoni che meglio si addicono alle capacità di ogni golfista. Per gli indecisi a portata di mano gli esperti e i maestri in grado di consigliare.
Contemporaneamente un plotone di 300 dilettanti scenderanno in campo sui due percorsi da campionato di 18 buche per due gare a classifiche separate. Il giorno successivo avranno luogo due Pro Am che vedranno schierate oltre 60 squadre guidate dai migliori professionisti italiani. Sempre il 6 aprile si svolgeranno la conferenza della PGA Italiana il cui punto focale sarà rappresentato dall'insegnamento ai giovani. Tra i relatori Giovanna Manzi (CEO Best Western Italia), Stefano Betti (Presidente PGA Italiana), Arnaldo Cocuzza (Consigliere AITG), Roberto Lauro (Presidente Golf Club Margara), e Giorgio Merletti (Responsabile Eventi PGA Italiana).
Proprio a quest'ultimo si deve la maggior parte del lavoro che sta alle spalle di una così complessa organizzazione: «Sono particolarmente orgoglioso del fatto che un nome prestigioso come quello di Best Western abbia voluto legare il proprio brand a questo “raduno”. Mi piace sottolineare il fatto che sia prevista anche l'organizzazione da parte della PGA Italiana di un “educational” per i propri associati professionisti che avrà come tema principale l'insegnamento ai giovani appassionati. Grandi giocatori hanno già annunciato verbalmente la loro presenza ai due PGAI Championship: Costantino Rocca, Emanuele Canonica e Alessandro Tadini oltre a Diana Luna, Veronica Zorzi, Stafania Croce, Federica Piovano e Isabella Maconi, ma spero ancora di aggiungere una sorpresa».
Sempre lunedì 6 avrà luogo il meeting annuale dell'Associazione Italiana dei Tecnici Golfisti, ovvero di quelle figure fondamentali per il buon funzionamento di ogni circolo. L'associazione organizza anche, il 7, l'AITG Trophy, riservata agli iscritti e agli invitati. Lo stesso giorno, su un percorso differente, avrà inizio il 33° PGAI Championship, sulla lunghezza delle 72 buche (montepremi 70mila euro), che assegnerà il titolo più importante in Italia, l'anno scorso vinto da Alessandro Tadini.
Per concludere questa eccezionale parata da giovedì 9 prenderà il via la 12ma edizione del Ladies PGAI Championship con tutte le nostre migliori «proette» che combatteranno per una borsa di 12mila euro.