Dimentica la bimba in auto per sei ore: salva per miracolo

Professore di seconda fascia presso il dipartimento di Scienze cliniche veterinarie, Lucio Petrizzi è noto per il suo impegno quotidiano in Facoltà. Una persona normalissima, affezionato al lavoro, al reparto, racconta chi lo conosce. Forse troppo, ammette qualcuno dopo quel che è successo ieri pomeriggio a Teramo. Dimenticare in macchina la propria figlia, una bimba di 23 mesi, e accorgersene solo all’uscita dall’ufficio dopo quasi sei ore da quando ha chiuso lo sportello dell'auto, appena in tempo per evitare il peggio alla bambina.
Il padre avrebbe dovuto accompagnare la figlia all’asilo, poi qualcosa è andato storto: un equivoco in famiglia o una dimenticanza che ha convinto la Procura ad aprire un’inchiesta per abbandono di minore. Ha chiamato i soccorsi non appena si è accorto della bambina, svenuta, distesa sul sedile posteriore dell'auto. Fortunatamente la bimba è fuori pericolo e senza danni celebrali. All’arrivo dell’ambulanza, ieri, si era temuto il peggio. L’ospedale di Teramo ha disposto l’invio dell’elicottero per trasferirla nelle Marche, in uno stato di forte disidratazione. Ora è sotto osservazione all’ospedale Le Torrette di Ancona.