Dimenticare Novara e le code polemiche Colantuono: «Tutto ok»

A volte dover disputare una partita a distanza di pochi giorni può essere salutare, specialmente se si è reduci da una sconfitta. Accade all’Atalanta, reduce dalla bastonata subita mercoledì a Novara, che, oltre alla delusione di tutto l’ambiente, ha lasciato una coda polemica. Due le critiche più rilevanti: il solito calo atletico evidenziato dopo un’ora di gioco (già verificatosi nelle gare precedenti) e la facilità con cui si concedono spazi alle manovre di rimessa degli avversari. Situazioni che determinano non solo una scarsa capacità realizzativa (appena 9 gol messi a segno sinora) ma soprattutto permettono agli avversari di effettuare la manovre più facili (difesa e contropiede). Basti pensare che nelle ultime due partite Consigli ha subito 3 reti senza dover effettuare nemmeno una parata, tanto da meritarsi due «senza voto» in pagella. Di fronte alle critiche, Colantuono ha replicato: «Ogni volta che il risultato ci dice male, riecco il disco delle polemiche. Una volta è colpa del presunto non gioco, un’altra del tal giocatore che non si esprime sui suoi livelli. È normale ogni tanto tirare il fiato, siamo sempre noi a dover fare la partita contro squadre che agiscono di rimessa».
Intanto stasera arriva l’Ascoli di Elio Gustinetti, bergamasco, ex giocatore e tecnico atalantino, che accusa alcune importanti, in particolare quelle degli squalificati Sommese e Cristiano. Colantuono ha annunciato il ritorno di Ruopolo a far coppia d’attacco con Tiribocchi, mentre Ardemagni partirà dalla panchina. Disponibile, dopo la squalifica, anche Doni. Continua, invece, l’emergenza in difesa con Manfredini, Peluso e Gentili infortunati mentre Talamonti, non del tutto a posto, sarà in panchina. Questa la probabile formazione: Consigli; Raimondi, Troest, Capelli, Bellini; Barreto, Carmona, Padoin; Doni; Ruopolo, Tiribocchi. Arbitra il fiorentino Baracani.