Dipendente Atm aggredito è polemica sulla sicurezza: «Servono più vigili in metrò»

Un controllore della metro di 49 anni ha avuto un infarto alla stazione di Gessate e ora è in coma. Un malore seguito a una lite, sfociata in un’ aggressione, con un passeggero senegalese che viaggiava con un normale biglietto anziché pagare 50 centesimi in più per la tariffa extraurbana. Dopo l’arresto del giovane clandestino scoppiano le polemiche. La Lega Nord in consiglio comunale ha depositato una mozione che chiede l’istituzione di un nucleo specifico di vigili urbani che viaggino e sorveglino sulle carrozze del metrò. Anche De Corato chiede il ripristino di un servizio simile con i vigili del Nucleo tutela trasporto pubblico voluto dalla giunta Moratti. L’assessore alla Sicurezza Marco Granelli, però, non ci sta e sostiene che i vigili sono già attivi sulle linee urbane. I sindacati chiedono intanto un incontro urgente con il presidente di Atm, Rota.