Diplomatici islamici a lezione di Vaticano

Il dialogo interculturale fra cristiani e musulmani diventa sempre più urgente e così nei prossimi giorni diplomatici dell’Iran, dell’Irak, dell’Arabia Saudita e di molti altri Paesi musulmani del Mediterraneo e del Medio Oriente frequenteranno a Roma un corso per conoscere le istituzioni della Chiesa cattolica e le linee guida della politica internazionale della Santa Sede. Il corso, che durerà tre settimane (due a Roma e una a Torino) è stato organizzato dalla Fondazione dell’Università Gregoriana e dall’Istituto Jacques Maritain. A inaugurare i lavori sarà il «primo ministro» di Benedetto XVI, il cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone, insieme al cardinale Renato Martino, presidente del Pontificio consiglio Giustizia e pace. L’obiettivo del corso è quello di far conoscere al mondo musulmano la realtà della Santa Sede contribuendo «alla formazione di figure chiave di mediatori nei rapporti tra gli Stati, i popoli e le culture al fine di favorire una migliore conoscenza tra i popoli e le religioni nel difficile contesto attuale». L’iniziativa ha avuto un’accoglienza «straordinaria», hanno spiegato ieri, nel corso di una conferenza stampa padre Franco Imoda, presidente della Fondazione e il direttore dell’Istituto Maritain.