Direttore di banca uccide la moglie e ferisce il figlio

da Rovigo

Ha ucciso la moglie a martellate e ha ferito il figlio tentando poi di togliersi la vita. La vittima, Alessandra Antonioli, 51 anni, è morta all’ospedale di Trecenta (Rovigo). La tragedia si è consumata ieri mattina intorno alle 8. Madre e figlio di 16 anni erano nei loro letti quando l’uomo, impugnando in una mano un martello e nell’altra un rasoio, prima sarebbe entrato nella stanza della moglie dove l’ha colpita selvaggiamente alla testa e quindi nella stanza del figlio colpendolo con il rasoio.
Il giovane, secondo alcuni vicini di casa, si sarebbe disperatamente difeso tanto da riuscire a evitare colpi mortali, ma rimanendo comunque ferito: è ricoverato all’ospedale di Trecenta ma non è in pericolo di vita. Rischia di più suo padre che dopo aver rivolto la lama contro se stesso si è tagliato la gola. Ulderico Galassini, 54 anni, questo il suo nome, è ora ricoverato all’ospedale di Borgo Trento di Verona in prognosi riservata.
Un dramma consumatosi in una famiglia normale, benestante, senza apparenti problemi. L’uomo è direttore di una filiale bancaria a Bergantino, mentre, nello stesso paese, Alessandra Antonioli insegnava come maestra elementare. I carabinieri stanno cercando di capire cosa abbia scatenato il raptus omicida.