Il direttore Ipsia ha impugnato il licenziamento

Il direttore dei servizi amministrativi dell’Ipsia «Parma» di Saronno, la dottoressa Chiara Emanuela Cavuoto, ha svolto oltre trent’anni di attività lavorativa nella scuola e ha maturato una carriera irreprensibile, senza sanzioni d’alcun genere. Presso detto istituto la dottoressa Cavuoto non ha mai compiuto quanto attribuitole nell’articolo pubblicato sul Giornale del 21 settembre 2007 alla pagina 55. La prestazione della dottoressa Cavuoto presso l’istituto professionale di Saronno è stata sempre irreprensibile, e in detto luogo e in detto istituto non sono mai occorsi i fatti descritti nel predetto articolo. La dottoressa Emanuela Cavuoto è stata illegittimamente licenziata per eventi occorsi in altro luogo e presso altro istituto scolastico, con dinamiche diverse da quelle descritte nell’articolo. Avverso detto illegittimo licenziamento pende impugnazione ai sensi di legge e, allo stato, giudizio cautelare finalizzato alla reintegrazione nel posto di lavoro.