Diritti Mediaset, Berruti assolto per riciclaggio

Il deputato del Pdl, ed ex consulente Fininvest, assolto dall'accusa di riciclaggio nello stralcio del processo Mediaset (un filone del procedimento appena cominciato contro Silvio e PierSilvio Berlusconi e Fedele Confalonieri). Il pm aveva chiesto 5 anni. Prescritto per altri capi d'accusa

Milano - Assolto per riciclaggio. Prescritto altri capi d'imputazione. Il deputato del Pdl Massimo Maria Berruti è stato assolto dall’accusa di riciclaggio nell’ambito di uno stralcio dell’inchiesta sui diritti Mediaset. Per altri capi di imputazione è stata dichiarata la prescrizione.E' arrivata  nel pomeriggio la sentenza dei giudici dell’ottava sezione penale del tribunale di Milano. Per Berruti il pm Fabio De Pasquale aveva chiesto 5 anni di reclusione.

Le indagini Berruti, stando alle indagini, è risultato essere il procuratore e il beneficiario economico del conto Jasran, tra quelli su cui, secondo il pm De Pasquale, sarebbero confluite somme derivanti da presunte irregolarità da parte di Mediaset nella compravendita di diritti televisivi e cinematografici. Per questa vicenda, è in corso un processo che vede imputati, tra gli altri, Silvio Berlusconi e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri e nel quale la prossima udienza è prevista il primo marzo.

La difesa Il legale di Berruti, Giorgio Perroni, ha sempre sostenuto che, in realtà, il beneficiario economico del conto era un collaboratore di Berruti, Danilo Pezzoni, commercialista, morto nel 2000. "Berruti in questo processo non esiste" aveva detto il legale, sollecitando l’assoluzione del deputato del Pdl. Berruti era presente in aula quando i giudici si sono ritirati in camera di consiglio.

Berruti: "Soddisfatto" "Sono soddisfatto che è emersa la verità, io ho sempre avuto fiducia nella giustizia perché la mia famiglia è una famiglia di magistrati io sono figlio e fratello di magistrati" questo il commento del deputato del Pdl assolto dalla gran parte del capo di imputazione relativo al riciclaggio dei fondi neri dei diritti tv di Mediaset, mentre per una somma di 150mila euro i giudici hanno dichiarato il proscioglimento per intervenuta prescrizione. "Io sono sempre venuto in aula, avevo fiducia, non mi sono mai avvalso di legittimi impedimenti, la sentenza di primo grado mi dà ragione, adesso ci sarà un processo d’appello, io non voglio la prescrizione, sono disposto anche a rinunciare alla prescrizione per essere assolto con formula piena su tutta la linea" aggiunge Berruti.