Diritti tv, Mediaset contro Lega calcio: "Campionato deprezzato"

Il gruppo televisivo chiede la revisione dell'accordo con le società di serie A dopo Calciopoli. "Innegabile la perdita d'interesse del pubblico"

Milano - Mediaset ha depositato oggi un atto di citazione presso il tribunale di Milano contro la Lega Calcio. L'atto contiene la richiesta di riduzione del prezzo dei diritti in chiaro del campionato di calcio di serie A in seguito allo scandalo calciopoli. Mediaset "è stata costretta alle vie legali dall'atteggiamento della Lega Calcio che non ha mai dato concreto seguito alle richieste di modificare consensualmente il contratto in essere concluso prima di Calciopoli". Secondo l'azienda di Cologno Monzese, infatti, "è oggettivamente dimostrabile che le retrocessioni e le penalizzazioni irrogate dal giudice sportivo hanno prodotto una forte perdita dell'interesse del pubblico verso il campionato di serie A che si traduce in una corrispondente riduzione del valore di mercato dei diritti televisivi in chiaro". "È pacifico che ora questi diritti non hanno più un valore equo - prosegue la nota di Mediaset - e davanti alla politica della Lega che insiste nel negare l'evidenza, non resta che la strada del tribunale". Mediaset non intende comunque sospendere i pagamenti "come sarebbe naturale in questo caso", ma continuerà a onorare l'impegno finanziario "con riserva in attesa della decisione del giudice".