Disabile chiusa in casa tre giorni con la zia morta

Una disabile di 58 anni per tre giorni è rimasta chiusa in un appartamento di via Ventimiglia, a Voltri, nel ponente genovese, insieme alla zia morta ed allo zio ferito e agonizzante. Secondo quanto appreso, la donna, di 84 anni, lunedì sera sarebbe caduta nella propria camera da letto, procurandosi ferite letali. Il fratello 82enne della donna, accorrendo in suo soccorso, sarebbe caduto a sua volta ferendosi gravemente e perdendo i sensi. La disabile per tre giorni e tre notti ha gridato a squarciagola chiedendo disperatamente aiuto.
I vicini, seppur sentendo le urla, non si sono allarmati in quanto spesso sentivano urlare la 58enne a causa della propria disabilità. È stata un’altra nipote dei due anziani, allarmata perché non li sentiva da tre giorni, a recarsi nell’appartamento di via Ventimiglia scoprendo l’accaduto. L’anziano e la disabile sono stati ricoverati in gravi condizioni. Sul caso ha aperto un’indagine la procura di Genova affidando la parte operativa agli investigatori della squadra Mobile di Genova.