Disabile respinto: «Quella carrozzella non va sul tram»

(...) Il giovane ha chiesto il motivo e il conducente ha spiegato come la sua carrozzella fosse a motore e non potesse essere adeguatamente bloccata ai supporti. Il disabile ha protestato, chiamato il 113 e una volante è arrivata sul posto per calmare gli animi. Ma anche per appurare che non solo c’è davvero un simile regolamento, ma questo non è stato neppure elaborato dall’Atm, che si è limitata a recepire una direttiva del ministero dei Trasporti. Nel frattempo dalla centrale operativa erano partiti due motociclisti per assistere il passeggero. A vuoto il secondo tram - senza pianale mobile - si è dovuto aspettare un terzo mezzo attrezzato. A questo punto il giovane è stato fatto salire, assistito dall’operatore Atm e portato a destinazione.