Disastro Unesco: gli sprechi di chi deve tutelare i tesori

Tutelare i capolavori artistici e naturali della Terra è una nobile missione ma spesso entrare nella lista dei luoghi considerati «patrimonio dell’umanità», oltre che costoso per i candidati, può rivelarsi anche controproducente: devastante turismo di massa, dissesto ambientale, inquinamento. Il paradiso scozzese di St. Kilda è l’ultimo esempio. E poi, metà del bilancio Unesco viene bruciato solo per tenere in piedi l’immensa macchina burocratica. Alla fine, di fondi per tutelare i tesori del pianeta ne restano pochi.