Disavanzo in calo nel primo trimestre

Stati Uniti

Il deficit federale Usa continua a mostrare segnali di miglioramento grazie ai buoni flussi delle entrate fiscali da parte soprattutto delle società: nel primo trimestre (ottobre-dicembre) dell’esercizio 2006-2007, il disavanzo si attesta a 80,4 miliardi di dollari sui livelli più bassi dal 2002, con un calo del 32,6% rispetto ai 119,4 miliardi dell’analogo periodo 2005-2006. Lo rende noto il Dipartimento del Tesoro, aggiungendo che le entrate aumentano dell’8,2% e che le spese diminuiscono dello 0,7%. Per dicembre, invece, l’avanzo è di 44,5 miliardi. Per l’intero esercizio, gli analisti stimano un deficit in calo a 248,2 miliardi, il valore più basso degli ultimi 4 anni. Secondo l’ufficio Budget del Congresso, il disavanzo è prevedibile a quota 286 miliardi (più 15,2% su base annua). L’amministrazione Bush, al contrario, è decisamente più pessimista ipotizzando un saldo negativo di 339,2 miliardi, che dovrebbe tuttavia essere rivisto il 5 febbraio.