Discesa, la Fanchini non concede il bis

L’azzurra solo settima nella discesa libera. E Miller torna gigante

Maria Rosa Quario

Troppo forte. Troppo più forte. Nella seconda manche ha sbagliato, una due tre quattro volte. Davanti al traguardo si è quasi sdraiato, ha recuperato, ha tagliato la linea senza spingere, convinto di aver perso ancora. Ma no, aveva vinto, finalmente. Al quinto tentativo stagionale Bode Miller ha portato a 20 il suo bottino di vittorie in coppa del mondo, facendo impazzire il pubblico di Beaver Creek. Per gli Usa un’altra festa, dopo quella della discesa: primo Miller, secondo Rahlves, a 49/100, quarto Erik Schlopy, a un centesimo dal terzo, Kalle Palander. Che gara! Nella classifica di coppa del mondo Rahlves è ora davanti a tutti, ma Bode è subito lì, a tre punti, gli austriaci sono molto più indietro, al terzo posto infatti c’è Svindal, il norvegese che continua a fare sul serio, ieri quinto. Per l’Italia, 9° posto per Davide Simoncelli, 13° per Blardone e 17° per Rocca.
Un posto nelle prime dieci fino a pochi giorni fa sarebbe stato un sogno per Elena Fanchini, ma dopo la grande vittoria nella prima discesa di Lake Louise la vita della ventenne di Monte Campione è cambiata. Dopo la notte insonne della vigilia, dopo la sbornia di felicità, ieri le gambe di Elena non erano più così sciolte, i suoi sci non erano più due rasoi che incidevano la neve come coltelli infallibili, le sue linee hanno perso precisione. Anche le condizioni della pista erano un po’ diverse. Un fastidioso vento ha disturbato Elena in alcune curve della parte alta, nel finale poi è stata velocissima recuperando decimi preziosi. Ha chiuso settima, a 51/100 da Lindsey Kildow, l’americana che proprio a Lake Louise un anno fa aveva vinto la sua prima gara di coppa e che ieri ha battuto per 3/100 la svizzera Sylviane Berthod e per poco di più un quartetto di austriache: Miki Dorfmeister, Alexandra Meissnitzer, Renate Goetschl e Brigitte Obemoser. Seconda azzurra, per un festival famigliare, ecco Nadia Fanchini, la sorella più piccola di Elena, 15ª.
Oggi superG donne e slalom uomini per chiudere il lungo fine settimana. C’è naturalmente grande attesa per Giorgio Rocca, parso già in buona forma in gigante.