Discomania Locali raddoppiati

Il popolo della notte può sorridere. Milano si conferma capitale del divertimento. Con le sue 92 discoteche, il capoluogo lombardo supera infatti tutte le province italiane. Un dato destinato a crescere se è vero che negli ultimi dodici mesi il numero di imprese che si occupano di divertimento è aumentato del 10,8 per cento (passando da 83 alle 92 attuali). E addirittura del 76,9 per cento dal 2000 a oggi.
Se cinque anni fa le discoteche, i night e le sale da ballo presenti in città erano 52, quest’estate se ne contano ben quaranta in più. Numeri da record, soprattutto se confrontati con la media nazionale e con quella regionale. Secondo un’indagine condotta dalla camera di Commercio di Milano, in tutto il Paese le imprese impegnate nel settore del divertimento sono cresciute del 6,8 per cento in un anno. Se nel 2004 le discoteche erano 1.738, oggi sono 1.848. L’intero comparto del divertimento (che comprende anche le imprese di spettacolo e i luna park) ha registrato una crescita del 7,33 per cento, passando da 5.111 imprese alle attuali 5.486.
Per quanto riguarda la Lombardia, il totale delle discoteche attive nella regione è aumentato del 69,6 per cento negli ultimi cinque anni (si è passati dalle 168 del 2000 alle 285 del 2005). A Milano va molto bene anche il settore delle imprese che organizzano spettacoli. Attualmente sono 425. Negli ultimi cinque anni sono cresciute dell’81,6 per cento (contro il 79,4 della Lombardia).