La discomusic non «invecchia»

La sessantenne Diana Ross in concerto per il cartellone di «Luglio suona bene»

Sarà la splendida sessantenne, diva della discomusic, Diana Ross ad animare questa sera la Cavea del Parco della Musica (ore 21) per il cartellone di «Lugliosuona bene». Un appuntamento da non perdere per chi ama la splendida voce dell’ex cantante delle Supreme, ma anche il più dispendioso a livello economico dell’Estate Romana, se si esclude quello di Keith Jarrett, il 15 luglio in programma sempre all’interno di «Luglio Suona Bene». Ben 70 euro cavea inferiore e 50 inferiore per assistere al concerto di una performer che vanta una carriera di successi come solista negli anni ‘70, e nel repertorio della disco music prima e della dance elettronica poi negli anni ’80. Diana Ross arriva in Italia per una mini tournée in sole tre tappe. Si può amare o meno la sua musica, il suo stile, ma sicuramente le sue canzoni, brani come «Endless Love» in duetto con Lionel Richie e «Why do fools fall in love?» hanno sottolineato momenti della vita di tutti. Cinque figli, quattro grandi amori, due matrimoni e altrettanti divorzi, 25 album con le Supreme e 37 da solista, cinque film e una nomination agli Oscar per la sua interpretazione di Billie Holliday, in «Lady sings the blues», sono questi i numeri di Diana Ross, una sessantenne in splendida forma che non teme rivali.
Ultima dimostrazione alla scorsa edizione degli MTV music awards americani, quando invitata a consegnare un premio assieme alle nuove signore della musica black, Mary J. Blige e Lil Kim, ha palpato il seno provocatoriamente esposto di quest’ultima, facendola arrossire come una quindicenne. Questa sera sul palco con Diana Ross, saranno Kevin Chokan (chitarra), Gerry Brown (batteria), Mark Stephens (piano), Albert Wing (sassofono), Cecil Thomas JR. (basso), Steve Crum (tromba), George Svetich (tastiera), Ritchie Garcia (percussioni), Fred White e Valerie Pinkston (cori).