Discorso con gaffe per Benedetto XVI

Niente è più trasversale di una gaffe. Le gaffe non hanno colore della pelle né religione. Lo sa bene Benedetto XVI (nella foto) che, suo malgrado, ne ha fatta una grossa affermando che il prossimo anno dopo aver visitato il Camerun «proseguirà, a Dio piacendo, per l’Angola per celebrare il 500° anniversario di evangelizzazione del paese». L’annuncio è stato fatto a San Pietro gremita, alla fine del sinodo dei vescovi. Il problema, fa notare Franco Bechis su Italia Oggi, è che l’anniversario è già stato celebrato nel 1992 e ci pensò Giovanni Paolo II. Ratzinger è caduto nell’errore beffardo leggendo un discorso preparato da altri che evidentemente non avevano controllato i dettagli. Già partita un’inchiesta interna per scovare il colpevole.