Il discorso di Silvio Berlusconi: seconda parte

E' vero che sono stati persi due anni, ma almeno tutti hanno potuto constatare come la sinistra sia incapace di governare. Poi, improvvisamente e quasi miracolosamente, nel giugno del 2007 Walter Veltroni annunciò di voler cambiare. Si è trattato dell'ultima finzione o perlomeno dell'ultimo improbabile azzardo. Dobbiamo ammetterlo: quel suo programma del Lingotto non ci aveva lasciato indifferenti. La promessa di dar vita ad un partito democratico e riformista, che rompesse con gli estremismi ed avesse realmente la famosa "vocazione maggioritaria", per una volta ci era sembrata sincera.

L'approdo, anche da sinistra, ad un bipartitismo che consolidasse il bipolarismo, ci era sembrata un'occasione da non lasciar cadere. L'idea di dar vita ad una campagna elettorale civile, senza più la demonizzazione dell'avversario, e, dopo la loro prevedibile sconfitta, ad una opposizione riformatrice e costruttiva, noi l'avevamo presa per buona. E lo dicemmo chiaramente in Parlamento all'atto della costituzione del nostro governo.

Ma è bastato un attimo perché anche quel bluff si disvelasse. Perché il Partito democratico - che democratico ancora non è - trasformasse da tattica in strategica la sua alleanza con l'estremismo giudiziario da una parte, e con l'estremismo ed il conservatorismo sindacale dall'altra. Perché insomma si ritornasse al passato e agli antichi rituali.

Ed oggi a che cosa assistiamo? Il segretario sconfitto se ne va, ed il suo vice - che fino al giorno prima ne aveva condiviso ogni scelta - subito ne rinnega la linea in un disperato quanto inutile tentativo di salvare il salvabile. Ma gli italiani, cari signori della sinistra, non hanno gli occhi bendati: ci vedono benissimo.

Vedono che mentre noi andiamo avanti, voi proseguite con la testa voltata all'indietro. Vedono che mentre noi, in un'emergenza che ha fatto tremare le vene ai polsi ad ogni leader del mondo, abbiamo garantito stabilità al Paese e per ciò guadagniamo consensi, voi non trovate di meglio che tornare al passato, che continuare ad insultarci, che litigare tra di voi incuranti dell'interesse generale. Anche per questo continuate a perdere largamente ogni consultazione elettorale.

E' una situazione, è una realtà sotto gli occhi di tutti. Noi siamo qui, e guardando a dove eravamo quando siamo partiti, siamo consapevoli di essere oggi molto più forti di allora, molto più attrezzati di allora alle sfide della modernità. La nostra classe dirigente cresce a livello nazionale e sul territorio; i nostri giovani si affermano nelle università e nella vita pubblica.

Non abbiamo mai risposto all'odio con l'odio, agli insulti di chi cerca di delegittimarci con gli insulti. Oggi la parola "moderati", ma diciamo pure la parola "centrodestra", rappresenta un patrimonio e una ricchezza. Una ricchezza che si è rivalutata ed è destinata a rivalutarsi sempre più nel tempo.

Il logoramento della sinistra invece, e per colpa dei suoi stessi errori, è stato totale. Ha colpito e distrutto il suo modello centralistico e dirigistico di partito, un modello improponibile nell'era della comunicazione in tempo reale. Questa sinistra ha spazzato via dalla scena uno dopo l'altro i suoi leader, sempre più divisi e incapaci di rappresentare il popolo e le sue aspirazioni in una società moderna. Così la sinistra sta uscendo di scena e non ha più un volto. Ed anche la stessa parola "sinistra" non piace più neppure a sinistra.

Queste sono verità incontrovertibili. Eppure, nonostante tutto, una sinistra riformista ed una opposizione moderna sarebbero indispensabili anche in Italia. Per questo noi siamo qui ad aspettarli. Non possiamo prenderci sulle spalle i loro ritardi e le loro responsabilità, ma attenderemo con la pazienza e la tolleranza che ci contraddistingue.

Lo facciamo perché non c'è governo democratico al mondo a cui faccia bene l'assenza di un'opposizione. Lo facciamo, soprattutto, perché abbiamo promesso solennemente di governare anche per quegli italiani che non la pensano come noi; e noi le promesse le manteniamo, tutte e sempre.

Lo facciamo anche perché non rimanga inascoltato, almeno da parte nostra, l'incoraggiamento che il 28 maggio 2008 ci venne da Papa Benedetto XVI, al quale va il nostro affettuoso saluto. Pochi giorni dopo le elezioni, Egli parlò di "segnali di un clima nuovo, più fiducioso e più costruttivo" e di "diffuso desiderio di riprendere il cammino, di affrontare e risolvere insieme almeno i problemi più urgenti e più gravi, di dare avvio a una nuova stagione di crescita economica, ma anche civile e morale".

E' quello che stiamo cercando di fare. E' quello che è indispensabile fare. Abbiamo infatti ricevuto dai governi precedenti e dalla sinistra un'Italia afflitta da pesanti eredità. Abbiamo ereditato un debito pubblico che a causa dei famigerati governi consociativi del compromesso storico, si è moltiplicato per 8 tra il 1980 e il 1992 e oggi è pari al 106 per cento del pil.

Questa tremenda situazione ci obbliga ogni anno a spendere decine di miliardi di euro dello Stato (ora sono 80 miliardi) per pagare gli interessi sui titoli del Tesoro invece che fare investimenti. Altro handicap che ci viene dal passato: abbiamo una pubblica amministrazione pletorica, inefficiente e costosa. La più costosa in Europa: 4.500 euro di costo per ogni cittadino, contro i 3.300 della Germania e degli altri Paesi europei.

Siamo tributari dell'estero per l'energia che ci serve perché l'estremismo ambientalista è riuscito a impedire che l'Italia sviluppasse la tecnologia nucleare, settore nel quale siamo stati addirittura i precursori con Enrico Fermi. Per questo paghiamo l'energia il 35 per cento più dei nostri concorrenti.

Tra questi, la Francia che con il nucleare produce l'80 per cento dell'energia che consuma, e copre una quota significativa delle nostre importazioni. Infrastrutture: anche qui eravamo i primi in Europa dopo i tedeschi, mentre oggi siamo al 19° posto e dobbiamo colmare un ritardo trentennale.

Il divario rispetto ai nostri diretti competitori europei come la Germania, la Francia e la Spagna è oggi del 50 per cento. E questo anche grazie ai veti del falso ambientalismo che hanno bloccato il nostro piano di 124 opere strategiche avviato nel 2001 con la Legge Obiettivo, compresi il Corridoio 5 tra l'Atlantico e il Pacifico, il Ponte sullo Stretto e i nuovi trafori alpini.

Abbiamo ereditato un'evasione fiscale record: sul 20 per cento del pil, che è l'ammontare dell'economia sommersa, non si pagano imposte. Per un totale di 100 miliardi di euro l'anno, che dunque mancano al bilancio statale.

Ci siamo trovati una giustizia che è un vero disastro. Sia la giustizia civile, dove i tempi sono incompatibili con le esigenze di una moderna società industriale: cinque anni per una causa di lavoro, otto anni per recuperare una somma da un fallimento. Sia la giustizia penale, dove lo squilibrio di poteri tra l'avvocato dell'accusa e quello della difesa si somma all'inefficienza storica degli uffici, e rende di fatto un miraggio il giusto processo.

A tutte queste ereredità negative il nostro governo ha cominciato a porre mano con un programma che stiamo speditamente realizzando.

Non voglio fare l'elenco delle molte cose che abbiamo realizzato in solo dieci mesi. Credo davvero che nessun governo prima di noi abbia fatto così tanto e così bene in così poco tempo. Sono stati mesi davvero intensi, vissuti sempre con il cuore in gola.

Lasciatemi ricordare almeno i risultati più importanti. Da subito ci siamo impegnati ad affrontare e risolvere emergenze come i rifiuti di Napoli e della Campania. Abbiamo mantenuto all'Italia la nostra compagnia di bandiera. Abbiamo attivato numerosi provvedimenti per ridare sicurezza ai cittadini e per fronteggiare il carovita. Abbiamo predisposto, prima degli altri Paesi europei, una serie di misure per fronteggiare la crisi globale, la cui pericolosità avevamo già individuato più di un anno fa, quando ancora eravamo all'opposizione.

Per questo motivo a giugno 2008 abbiamo messo in sicurezza i conti pubblici con una legge finanziaria per la prima volta impostata su base triennale, per poter affrontare la crisi con gli strumenti di finanza pubblica più adeguati.

Siamo stati i primi al mondo, il 10 ottobre 2008, a proteggere i risparmi degli italiani depositati nelle banche. Siamo quelli che in Europa hanno stanziato più fondi a favore delle famiglie, dei lavoratori, delle imprese e dell'economia reale, per un totale di 55,8 miliardi di euro. Quasi 4 punti di Pil per le grandi opere, per la protezione dei più deboli, per l'edilizia scolastica, per le imprese dei settori più colpiti, per la protezione di chi perde il lavoro, estendendola per la prima volta ai lavoratori delle piccole imprese, agli apprendisti, agli interinali, ai collaboratori a progetto.

In questi primi dieci mesi, non ci siamo limitati ad affrontare tempestivamente le tante emergenze nuove o ereditate, ma abbiamo anche avviato e in buona parte realizzato numerose riforme, utili nell'immediato e importanti per porre solide fondamenta per il futuro: la riforma della pubblica amministrazione, la riforma del processo civile, gli interventi che riguardano la scuola e l'università, lo sblocco delle infrastrutture, le misure che uniscono insieme difesa dell'ambiente e sviluppo economico.

Tutto questo è stato possibile grazie alla concordia nella quale il governo ha saputo operare sempre in perfetta sintonia con i nostri gruppi parlamentari. Sono fiero di avere al mio fianco persone così appassionate e competenti: sento una collaborazione, un'amicizia e un affetto da parte di tutti i componenti della squadra di governo e della maggioranza che mi danno forza e che costituiscono un motivo di ulteriore rassicurazione per tutti gli italiani.

In campagna elettorale avevo detto che il nostro governo non prometteva miracoli ma impegno e dedizione nell'interesse di tutti. Nei primi dieci mesi di governo abbiamo mantenuto la parola, lo Stato è tornato a fare lo Stato e gli italiani hanno capito che il governo è al loro fianco per sostenerli, per incoraggiarli e fare in modo che ciascuno possa vivere nel modo più libero possibile. Dobbiamo tutti essere orgogliosi dei risultati raggiunti.

Voi tutti che siete qui avete anche il compito di essere infaticabili annunciatori delle tante cose buone fatte dal governo. Lo dovete fare, lo dobbiamo fare tutti insieme, non solo per dare testimonianza alla verità dei fatti contro il catastrofismo diffuso dalla sinistra e dalle loro gazzette, ma soprattutto perché abbiamo il dovere di dare speranza a tutti i nostri concittadini e di impedire che il bombardamento quotidiano di cattive notizie fiacchi la loro volontà di agire, di rischiare, di investire, di lottare contro le avversità, nella certezza di un futuro migliore.

Per aiutarvi in questo decisivo impegno, nella cartella che vi sarà distribuita all'uscita troverete anche una pubblicazione "Dieci mesi di lavoro dalla parte degli italiani", che illustra in modo chiaro le principali realizzazioni del nostro governo. Leggetela e diffondetela. Sostenete in questo modo il governo e date nuova forza a tutti gli italiani.