Disinnescata una bomba sul bus dei turisti israeliani

Sofia È giallo sull’attentato contro un gruppo di turisti israeliani che sarebbe stato sventato martedì scorso in Bulgaria. La notizia è stata annunciato ieri sera dalla televisione pubblica israeliana. Secondo le poche informazioni diffuse, un congegno esplosivo è stato scoperto nascosto in un autobus che doveva trasportare dei turisti israeliani dalla frontiera con la Turchia a una stazione sciistica bulgara, come ha spiegato l’emittente.
Stando ai primi elementi emersi nell’inchiesta, l’ordigno è stato collocato nell’autobus durante la notte fa lunedì e martedì. L’autista è stato interrogato dalla polizia mentre dei soldati bulgari sono stati inviati per precauzione in diverse località sciistiche frequentate dai turisti israeliani, ha aggiunto la televisione.
Secondo il commentatore militare dell’emittente, questo attentato potere essere legato all’imminente quarto anniversario dell’omicidio di Imad Mughnieh, uno dei fondatori dell’organizzazione militare dell’Hezbollah libanese ucciso in un attentato nel febbraio 2008 a Damasco. Hezbollah ha accusato Israele di essere all’origine di questo assassinio.