Disobbedienti, avvertimento ai magistrati della Procura

I militanti di Action continuano a «okkupare» abusivamente abitazioni e a gestire «sportelli casa» grazie all’agibilità della quale godono in diversi municipi. Ma ora si permettono anche di lanciare minacciosi avvertimenti alla Procura di Roma che, come è noto, dovrà decidere in merito alla richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di Nunzio D’Erme e altri undici disobbedienti per associazione a delinquere. Una scritta comparsa qualche giorno fa a Porta Maggiore (nella foto) recita: «Action non si processa». Segue la firma: una stella rossa a cinque punte e «San Lorenzo». La zona è a un centinaio di metri da via dei Volsci, uno dei centri sociali più noti della città.