«Disponibili a integrarsi» Latinoamericani ben visti

La comunità latino-americana in città è ancora poco conosciuta dai milanesi che, comunque, si dimostrano aperti al confronto. Una positiva predisposizione dovuta ad affinità religiosa e al fatto di percepire questi immigrati come ben disposti all’integrazione. La Camera di commercio di Milano, con la sua azienda Cedcamera, ha realizzato un sondaggio per capire quanto milanesi, romani e napoletani (un campione di circa 600 persone) abbiano rapporti coi latino-americani nelle loro città. Sebbene quasi il 60% dei milanesi non conosca immigrati provenienti da Paesi dell’America latina. Tra il restante 40%, il 23,8% dichiara di conoscerli in virtù di un rapporto di amicizia mentre il lavoro e i rapporti di vicinato sono l'occasione della conoscenza solo per il 15,2%. Si tratta di rapporti cercati, scelti, e non determinati dal caso o da un obbligo di contiguità. La presenza di comunità latino-americane è vista positivamente dai milanesi, così come da romani e napoletani, perché imparano facilmente l'italiano. L'elemento che caratterizza di più il campione milanese è quello religioso: i latino-americani sono «benvoluti» perché cattolici, (19,6%) dei casi. Gli elementi considerati negativamente per la presenza di latino-americani, riguardano il bivacco e lo sporco lasciato nei luoghi pubblici (16,1% dei milanesi), mentre romani e napoletani, in questo senso, non rilevano fattori negativi.