Dissidenti nudi in Rete in difesa di Ai Weiwei

Pechino Artisti e attivisti cinesi hanno deciso di manifestare contro la decisione delle autorità di Pechino di incriminare l’architetto dissidente Ai Weiwei e la sua assistente Zhao Zhao per pornografia, per aver diffuso online una foto scattata dalla Zhao intitolata «una tigre, otto seni», dove Ai Weiwei nudo è fotografato tra quattro donne, anche loro nude.
I sostenitori di Ai hanno realizzato un sito internet «I fan della nudità di Ai Weiwei. Governo cinese: la nudità non è pornografia», nel quale sono state pubblicate, e ne vengono aggiunte in continuazione altre, foto di nudi, molto spesso con maschere di Ai Weiwei o con occhiali scuri che ricordano il dissidente avvocato cieco agli arresti domiciliari Chen Guangcheng. Oltre un centinaio le foto pubblicate fino ad ora, alcune anche di persone non note, altre di artisti e dissidenti cinesi che vivono in tutto il mondo. Ai Weiwei è il più famoso dissidente cinese. Incarcerato tra marzo e giugno, è stato poi condannato a pagare oltre 1,7 milioni di euro per frode fiscale.