Il divieto di balneazione è solo sui cartelli

Stefania Antonetti

Pochi, anzi pochissimi i bagnanti sulle spiagge del litorale genovese dopo il divieto di balneazione lanciato dal Comune. Nessuno, o quasi, le persone in acqua. Dico - quasi - perché ieri nel pomeriggio sfidando un po' la sorte e contravvenendo all'ordinanza del sindaco (emessa a scopo prevalentemente cautelativo), ho deciso di fare il bagno in alcuni dei lidi e delle spiagge libere e attrezzate per capire quanto allarmismo ci sia intorno al problema dell'alga tossica. Non nego di aver avuto sufficiente timore nel mettere piede in acqua, ma a quanto pare non ho alcun sintomo di quelli descritti dalle persone sottoposte a controlli e a cure negli ospedali cittadini. Certamente non sono rimasta delle ore nello specchio d'acqua (...)