Divise con truffa a Ferrovie e Amt

Alle Ferrovie e all’Amt aveva fornito divise fabbricate in Romania mentre la gara prevedeva la produzione sul territorio italiano. In altri casi, aveva pilotato gli appalti tramite accordi illegali con le altri imprese partecipanti: responsabile della truffa una cooperativa con sedi a Genova ed Asti e partecipazioni in una società rumena, la cui attività è stata smascherata dalla Guardia di Finanza. Sette le persone denunciate con l’accusa di turbativa d’asta, associazione per delinquere, truffa ai danni dello Stato, malversazione, abuso d’ufficio e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico. Nei guai anche dipendenti dell’Amt, società a sua volta raggirata, che però non aveva sospeso la gara per la fornitura di divise, nonostante le proteste dei dipendenti e gli evidenti difetti dei prodotti. «Tutte le persone coinvolte lavoravano però durante la vecchia gestione Amt», precisa la società.