Il divo

Sabato scorso avevamo raccontato che a rifilare l’ennesima figuraccia al cabarettista del Travaglino era stato un suo collega dell’Espresso, Gabriele Mastellarini: era stato quest’ultimo, infatti, ad aver già scritto proprio sull’Espresso che le condanne ai danni del sindaco di Verona Flavio Tosi erano state annullate dalla Cassazione: circostanza che Travaglio, ad Annozero, aveva mostrato di non conoscere: evidentemente non legge neppure i giornali dove scrive. Lo stesso Mastellarini, poi, sul suo blog, aveva rivelato che Travaglio aveva collezionato altre omissioni e inesattezze a proposito delle condanne da lui subite per diffamazione, e avevamo raccontato anche il seguito: Travaglio, letto l’articolo del Giornale e letto il blog di Mastellarini, si era imbufalito e gli aveva spedito una serie di sms pieni di insulti.

Bene, ora è accaduto questo: Mastellarini è diventato improvvisamente sgradito proprio al settimanale dove collabora (collaborava) assieme a Travaglio: all’Espresso improvvisamente non accettano più nessuna sua proposta (prima era piuttosto assiduo) e nessun responsabile ora gli risponde più al telefono. «Hai fatto un casino» gli ha rivelato un giornalista di Repubblica che ha dovuto chiamarlo dal bagno. Di quale «casino» si tratta? Presto, chiamate Travaglio: c’è un caso di apparente censura che sembra fatto apposta per finire in uno dei suoi libri scritti a 32 mani (magistrati compresi).