Divorzio tra oro e greggio

La settimana si chiude con chiari segnali di separazione tra i destini di petrolio e oro. Si tratta di una novità dopo circa 4 anni vissuti nella simbiosi del rialzo. Il future del greggio Wti è sceso sotto quota 64 dollari schiacciato dai timori di un calo della domanda. Copione opposto per l’oro. Sui mercati future Usa, le quotazioni sono volate oltre quota 463 dollari l’oncia, segnando i massimi degli ultimi 17 anni. Qui la corsa dei prezzi resta sostenuta dal boom dei consumi di Cina, India e Paesi del Golfo persico.