Il dj è clandestino, chiusa la discoteca

DIETRO LA CONSOLLE Nel locale, frequentato da stranieri, sequestrati anche 622 cd duplicati

I carabinieri sono arrivati nel bel mezzo della festa latino americana. Hanno spento la musica e controllato i documenti del dj: ecuadoregno irregolare, senza il permesso di soggiorno. Da qui la decisione di far uscire tutti dal locale, chiudere il portone e mettere sotto sequestro la discoteca Sciencia di via Paravia, un locale frequentato quasi esclusivamente da stranieri.
Dopo una serie di controlli, gli agenti dell’Annonaria insieme ai Carabinieri della Compagnia Porta Magenta hanno riscontrato una serie di irregolarità lunga quanto la compilation di un cd. Oltre al dj clandestino, la discoteca non aveva rispettato né le norme di sicurezza né i regolamenti. Niente di niente. Il titolare, un egiziano di 40 anni, è stato denunciato.
Il locale, una specie di scantinato di circa 200 metri quadri, era stato ricavato in una palazzina, era privo di autorizzazioni all’apertura e non rispettava le fondamentali misure di sicurezza. Dopo una verifica a fianco della consolle, sono anche stati sequestrati 622 cd contraffatti, privi del marchio Siae.
I controlli sono scattati dopo una segnalazione diretta del vicesindaco di Milano Riccardo De Corato: ««Avevo segnalato personalmente ai vigili questo locale a seguito di un reclamo di cittadini che lamentavano disturbo della quiete pubblica, schiamazzi e degrado dovuto all’alcol»