Dodicenne cade da 4 metri: in coma

Una bambina di 12 anni è ricoverata in prognosi riservata al Gaslini dopo che ieri pomeriggio all’interno dei bagni San Nazaro è caduta dal parapetto di una passerella che conduce alle cabine. La ragazzina che è tenuta in coma farmacologico ha riportato fratture cervicali e un ematoma cerebrale. Secondo alcune testimonianze la ragazzina intorno alle 13.30 è precipitata nel vuoto per quattro metri perdendo subito i sensi, forse (l’ipotesi è stata riportata da fonti Amiu, l’azienda partecipata dal Comune che gestisce i bagni) dopo la spinta di un coetaneo. Secondo quanto riferisce un’amica, la bambina si trovava in gruppo su una passerella sospesa attraverso cui si accede a un gruppo di cabine. Era seduta sul corrimano della passerella, stava utilizzando il suo telefono cellulare, quando per cause da accertare ha perso l’equilibrio ed è precipitata sulla scala in cemento sottostante colpendo prima lo spigolo di un muro, poi gli scalini. La dodicenne è stata immediatamente soccorsa da un’infermiera cliente degli stabilimenti balneari. Le sue vie respiratorie erano occluse da un lecca lecca che, nel forte urto con la scala di cemento, le si era conficcato in gola. La donna l’ha liberata dell’oggetto e l’ha rianimata, consegnandola al personale del 118 immediatamente sopraggiunto dopo la prima chiamata. La bambina, le cui condizioni sono apparse subito gravi, è stata intubata e portata al Gaslini dove resta ricoverata in condizioni gravissime. L’incarico per stabilire l’esatta dinamica dei fatti è stato affidato alla polizia che ha ascoltato la responsabile della struttura (gestita dall’azienda comunale genovese Amiu), i soccorritori ed i testimoni. Alla triste vicenda va aggiunto un particolare di cronaca: la mamma delle piccola, avvisata via telefono dell’incidente, si è precipitata ai bagni in scooter e forse per la concitazione ha lasciato il mezzo incustodito, sembra con le chiavi inserite. E un ladro gliel’ha rubato.