Dodici ore di preghiera del Dalai Lama per il Tibet

Una maratona spirituale di 12 ore per protestare contro l’oppressione nel mondo, in particolare in Tibet. È l’iniziativa a cui parteciperà il Dalai Lama insieme a tutti i tibetani in esilio: mezza giornata di preghiera sincronizzata a partire dalle 7 del mattino di sabato 30 agosto, fa sapere il governo tibetano in esilio. «Sarà una delle più importanti campagne contro la violenza del Comitato Solidarietà in Tibet al fine di ottenere il sostegno della comunità internazionale per la pace e la lotta all’oppressione nel mondo, in particolare in Tibet». Ieri intanto migliaia di tibetani in esilio in Nepal si sono riuniti nella capitale Katmandu per protestare contro la Cina. 2mila persone, fra cui donne e bambini, hanno dimostrato in una zona periferica della città per il rispetto dei diritti civili, non si sono registrati incidenti. Migliaia vivono in esilio in Nepal.