Dodici persone in una stanza e per il bagno si paga a parte

Vivono nei luoghi più degradati di Napoli: nei vagoni abbandonati della Stazione centrale (un centinaio), negli edifici dismessi e fatiscenti (e sono migliaia) e, naturalmente, per chi può permetterselo, negli appartamenti. E che appartamenti. Sono gli extracomunitari, arrivati in Italia dall’Africa, pochi quelli che possono permettersi una casa dignitosa. La maggior parte di loro, invece, vivono in edifici vecchi e mal tenuti nella zona della Stazione centrale, oppure, nell’area industriale e, naturalmente, nelle tante periferie abbandonate della città, governata da Rosa Russo Iervolino. I costi? Tra i 100 e i 150 euro a letto mentre il bagno, è un optional che si paga a parte. Si tratta di luoghi squallidi e maltenuti, dove regnano la promiscuità e la sporcizia. Quattro o sei letti a stanza, in una casa vivono tra le 10 e le 12 persone.