Il dollaro debole trascina Luxottica in fondo al listino

Luxottica perde terreno, trascinata dal dollaro debole, e chiude la giornata in calo del 2,70%, tra i più pesanti del listino delle «blue chip». Prosegue così l’andamento negativo della vigilia, quando il titolo aveva registrato un ribasso del 2,76%. A spiegare la situazione, è sufficiente un dato-chiave: il 70% dei ricavi del gruppo leader nell’occhialeria è espresso in dollari. Inevitabile quindi che il titolo risenta non solo delle oscillazioni del biglietto verde ma anche dei segnali di recessione in arrivo dal mercato statunitense. A inizio dicembre il patron Leonardo Del Vecchio ha comunque affermato che il 2007 si chiuderà «vicinissimo al target».