Ski Center Latemar e Alpe Lusia, sci al via con nuovi impianti

Il 26 novembre parte la stagione del Dolomiti Superski con un raffica di novità. A Obereggen la "seggio-cabinovia" e un rifugio avveniristico. A Bellamonte la "New Gondola" da 10 posti. A Pampeoago opere d'arte open eir lungo la pista Agnello

Stagione dello sci al via sabato 26 novembre sulle piste del Dolomiti Superski, il carosello bianco più grande mondo che si estende in 12 valli fra Alto Adige, Trentino e la veneta provincia di Belluno con 450 impianti di risalita, 1200 chilometri di piste per tutti e 26 snowpark. Stagione invernale ricca di novità perché le società che gestiscono gli impianti di risalita hanno investito qualcosa come 70 milioni di euro per migliorare la qualità dell'offerta dal punto di vista degli impianti, dei tracciati, dell'innovamento programmato.

In Val di Fiemme, ad esempio, nella skiarea Bellamonte – Alpe Lusia (www.skiareaalpelusia.it) la novità più importante è la nuova cabinovia Bellamonte 3.0 New Gondola, impianto di risalita a basso impatto paesaggistico che da Castelir porta a Morea con tre stazioni e sostituisce le due vecchie seggiovie Castelir – Fassane e Fassane – Morea con l'eliminazione di 13 dei 28 piloni sulle piste. La cabinovia ha una portata di 2200 persone all'ora e ogni “gondola” può trasportare 10 passeggeri con possibilità di trasportare anche gli slittini perché la pista da slittino Fraina viene allungata di 300 metri (quasi due chilometri di lunghezza totale) avvicinandola alla stazione intermedia Fassane.

Lo Ski Center Latemar (www.latemar.it), carosello sciistico con 48 chilometri di piste fra Trentino e Alto Adige che si raggiunge da Predazzo, Pampeago e Obereggen, le novità della stagione invernale sono tre. Un nuovo impianto di risalita, una nuova pista da slittino e un avveniristico rifugio.

A Obereggen infatti, la seggiovia a quattro posti Laner, viene sostituita dal telemix Laner, una seggio-cabinovia con seggiole a 6 posti e cabine da 8 posti sullo stesso impianto. Allargata, per rendere più piacevoli e sicure le discese la pista Laner. E ci sarà l'inedita pista da slittino Absam (750 metri) che va dal rifugio Epircher – Laner fino alla stazione a valle della seggiovia Absam – Maierl. Così il rifugio è il punto di partenza della nuova pista da slitino e di quella già esistente, la Obereggen.

All'inizio della pista Oberholz, i turisti della neve troveranno anche un nuovo moderno rifugio in legno e vetro, in posizione panoramica con tre grandi vetrate panoramiche con vista sulle montagne: materiali eco-sostenibili e design contemporaneo per la firma degli architetti Peter Pichler e Pavol Mikolajcak.

Sport, relax, immersione nella natura delle montagne più belle del mondo, patrimonio Unesco ma anche arte. A Pampeago infatto, lungo la bella pista Agnello, c'è il parco d'arte open air RespirArt, che è anche uno dei più alti al mondo dove si potranno ammirare nuove opere realizzate questa estate da artisti internazionali. All'arrivo della seggiovia Agnello, verso La Tresca c'è l'installazione dell'artista tedesco Thorsten Schütt Guerriero di pace delle Dolomiti. Davanti alla terrazza del Rifugio Monte Agnello si staglieranno nel cielo le forme curiose delle installazioni Vedo non vedo di Luca Prosser (un grande occhio di acciaio inox e acciaio puntato sulle Dolomiti) e Harmonia della designer polacca Dorota Koziara, creata per sottolineare l’energia che si riceve al cospetto dell'imponente Latemar. Sciando lungo la Agnello si incontrano anche Ouverture di Aldo Pallaro, Totem di Sandro Scalet, Natura Viva di Mauro Lampo Olivotto, L’arte è un mistero con ali di farfalla e Il teatro del Latemar di Marco Nones, Mind’sEye dell’americana Olga Ziemska e Il giardino di Danae del maestro Hidetoshi Nagasawa.

Informazioni
www.dolomitisuperski.com/it
www.visitfiemme.it