Domani 8 ore di sciopero per difendere Malpensa

da Milano

I dipendenti degli aeroporti lombardi temono di perdere il posto di lavoro: sono oltre 2mila i lavoratori a rischio se davvero Alitalia taglierà 150 voli sull’aeroporto di Malpensa, come annunciato dal piano industriale di sopravvivenza. Otto ore di sciopero sembrano l’ultima arma. Domani tutti a terra dalle 10 alle 14, sia a Malpensa sia a Linate. Dalle 12 alle 16 non lavoreranno i controllori di volo. Sperando possa servire a qualcosa. I sindacati sono compatti e l’adesione si preannuncia alta. Altrettanto alta è la posta in gioco: se Alitalia ridurrà le rotte, rischiano il licenziamento 1.200 dipendenti Sea, la società che gestisce gli scali lombardi, e le conseguenze si allargheranno all’indotto (catering aereo, attività commerciali) e al personale di scalo della stessa compagnia. I sindacati temono per il futuro di Malpensa come hub internazionale e invitano Alitalia a sospendere ogni decisione.