Domani la Via Crucis E la Valle dell’Aniene diventa Gerusalemme

Da molti anni il venerdì della Settimana Santa coincide con la sacra rappresentazione delle ultime ore della vita del Cristo nel piccolo centro di Vicovaro, a circa un’ora di macchina da Roma. Una tradizione, quella della Via Crucis, radicata nella realtà del paese, e che richiama numerosi fedeli anche dalle zone limitrofe. Personaggi della Roma antica, membri del Sinedrio, Sommi Sacerdoti: per una notte la Valle dell’Aniene si trasforma nella Gerusalemme di duemila anni fa. La Via Crucis, per la quale si mobilita tutto il paese, avrà inizio alle ore 21 e ripercorrerà tutte le stazioni dolorose all’interno della cornice paesana, partendo dalla condanna a morte di Gesù, passando per il tragitto verso il Golgota, fino a vederlo morire sul patibolo della croce. Fedele ai quattro brani evangelici sugli ultimi istanti della vita terrena del Figlio di Dio, la rappresentazione della Via Crucis di Vicovaro è diventata un punto fermo, anche sotto l’aspetto prettamente culturale, dell’intera zona est della provincia di Roma.