Domani e lunedì ballottaggi in otto comuni Cdl avanti 5-3 ma apparentamenti decisivi

Centrodestra in vantaggio a Mentana, Marino, Pomezia, Terracina e Anagni dietro a Civitavecchia, Ariccia e Sora

Domani e lunedì ballottaggi in otto centri del Lazio. Si tratta dei comuni con più di 15mila abitanti nei quali il 28 e 29 maggio nessun candidato ha raggiunto la maggioranza assoluta dei voti: Ariccia, Pomezia, Marino, Mentana e Civitavecchia in provincia di Roma, Anagni e Sora (Frosinone) e Terracina (Latina).
Il centrodestra parte in vantaggio in cinque comuni. A Mentana il candidato della Cdl Guido Tabanella, ultimo sindaco prima dell’arrivo del commissario prefettizio, due settimane fa ha ottenuto il 49 per cento dei voti, mentre il suo avversario, Lucio Cantagalli (centrosinistra) si è fermato al 33,5. Vantaggio meno rassicurante a Marino per Adriano Palozzi (Cdl), che al primo turno ha ottenuto il 36,8; ma il suo sfidante, il capogruppo della Margherita in consiglio provinciale, Alessandro Coloni, si è attestato al 21,8 e per lo «spareggio» si è «apparentato» con Sandro Carracci (21). Situazione in bilico a Pomezia tra Massimiliano Cruciani (Casa delle libertà) con il 45,1 per cento al primo turno ed Enrico De Fusco (Unione) con il 40,4. A Terracina invece sembra vicino alla vittoria Stefano Nardi, sindaco uscente di An, che al primo turno ha sfiorato il «colpaccio» con il 49,7; cercherà l’impresa Vincenzo Recchia (33,5). Infine ad Anagni il sindaco uscente del centrodestra Carlo Noto con il suo 41 dovrà sudare contro Vincenzo Diurni del centrosinistra (36,7) che negli ultimi giorni ha incassato l’appoggio di Saverio Coppola (13,2).
Il centrosinistra è invece avanti a Civitavecchia con Gino Saladini (42 per cento) che se la vedrà con Gianni De Paolis della Cdl (19,6). Ad Ariccia strafavorito Emilio Cianfanelli del centrosinistra, che parte dal 45,5 e dovrebbe ereditare anche i voti del candidato eliminato dell’Unione Paolino Marmo (25,3). Suo sfidante è Vittorioso Frappelli, del centrodestra, molto indietro con il 29,2. Poco tranquillizzante invece a Sora il vantaggio di Cesidio Casinelli del centrosinistra: parte dal 47,8 per cento ma l’avversario Francesco Ganino della Cdl al suo 45,5 può teoricamente aggiungere il 6,7 di Flavio Tanzilli che lo appoggerà.